Saluto di Inizio Anno Scolastico del Dirigente Scolastico a.s. 2012/2013

Idee sulla scuola di Albert Einstein da “Pensieri degli anni difficili” 1936

Auguro un buon anno scolastico con alcuni brani tratti

da una pubblicazione di Albert Einstein del 1936.

Dopo 76 anni, le idee dello scienziato sulla scuola sono attuali, vive e stimolanti.

“A volte si vede nella scuola semplicemente lo strumento per tramandare una certa quantità massima di conoscenza alla generazione che sta formandosi. Ma questo non è esatto. La conoscenza è cosa morta; la scuola, invece, serve a vivere. Essa dovrebbe sviluppare nei giovani quelle qualità e quelle capacità che rappresentano un valore per il benessere della comunità.” “… l’obiettivo deve essere l’educazione di individui che agiscano e pensino indipendentemente, i quali, tuttavia, vedano nel servizio della comunità il loro più alto problema di vita. Le personalità non vengono formate da ciò che sentono o vedono, ma dal lavoro e dall’attività. Il più importante metodo di educazione, di conseguenza, è sempre stato quello dal quale l’allievo viene spinto ad agire realmente.” “(…) Ma dietro ogni conquista esiste la motivazione che ne è il fondamento e che a sua volta è rafforzata e rinvigorita dal compimento dell’impresa.” “… l’ambizione o, in termini più blandi, l’aspirazione al riconoscimento e alla considerazione, è fortemente radicato nella natura umana. Senza la presenza di uno stimolo mentale di questo tipo, la collaborazione umana sarebbe interamente impossibile; il desiderio di approvazione da parte dei propri simili è certamente uno dei legami più importanti della società.”
“Il desiderio di essere approvati e stimati è un motivo sano; ma il desiderio di essere stimati migliori, più forti o più intelligenti del proprio collega o del proprio compagno conduce facilmente a un egoismo che può diventare dannoso per l’individuo e per la comunità.”
“La motivazione più importante per il lavoro, nella scuola e nella vita, è il piacere del lavoro, piacere che si prova di fronte al suo risultato e alla consapevolezza del suo valore per la comunità. Nel risveglio e nel rafforzamento di queste forze psicologiche nel giovane io vedo il compito più importante della scuola. Un tale fondamento psicologico da solo conduce a un sereno desiderio delle più alte conquiste umane: la conoscenza e la capacità artistica.”
“Desidero sottolineare ancora una volta, terminando, che ciò che è stato detto qui in forma in certo qual modo categorica non ha la pretesa di voler essere nulla più dell’opinione personale di un uomo, basata soltanto sulla propria personale esperienza, di studente e di insegnante.””

Il Dirigente Scolastico
(dott. Giovanni La Rosa)